bitcoin GOLD – ecco le novità tecniche della nuova criptovaluta!

Il Team di bitcoin Gold ( https://btcgpu.org/#team ) promette nuove ed interessanti novità!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Algoritmo di Proof-Of-Work

L’algoritmo di Proof-Of-Work (prova di lavoro)  è tra i fondamenti della tecnologia di Bitcoin.
Sappiamo che l’algoritmo utilizzato da bitcoin (SHA256) necessita ad oggi di una potenza di calcolo così elevata da rendere impossibile fare mining con dei “semplici” computer. Non solo è necessario acquistare hardware dedicati (ASICs) ma lo si deve fare unendosi in POOL che accentrano la potenza di calcolo di più apparati per aumentare le possibilità di ottenere la “ricompensa” per l’attività svolta.
Bitcoin Gold si pone l’obiettivo di risolvere questo “problema” utilizzando  Equihash, un algoritmo più semplice che non necessita di hardware dedicato ma che può essere svolto da comuni GPU (schede video).

Algoritmo di aggiustamento del livello di difficoltà

In bitcoin, il livello di difficoltà si aggiusta ogni 2016 blocchi (circa 2 settimane) cercando di mantenere il tempo medio di estrazione di un blocco a 10 minuti. Il livello di difficoltà cresce (o cala) proporzionalmente in funzione dell’aumento o della diminuzione della potenza di calcolo utilizzata dall’intera struttura di mining. Questa procedura porta a repentini aumenti (o diminuzioni) del livello di difficoltà con conseguenti variazioni (anche importanti) del tempo medio di estrazione. Bitcoin Gold invece utilizza un meccanismo di verifica puntuale del livello di difficoltà (DigiShield V3). Questo algoritmo promette di livellare maggiormente il tempo medio di estrazione.

Formato univoco di indirizzi del Wallet

Di solito in un fork si mantiene lo stesso formato di indirizzi, aumentando il rischio di inviare per errore una valuta su di un Wallet che non può contenerla (come ad esempio nel caso del Bitcoin Cash).
Per risolvere questo problema, il bitcoin Gold ha implementato un formato di indirizzi univoco e differente da quello dei bitcoin.